mercoledì 6 giugno 2007

Amministrative 2007

Berlusconi con i risultati del 28 maggio avrebbe gridato vittoria su tutti i telegiornali. Avrebbe esaltato i risultati "straordinari" de L'Aquila e di Agrigento e avrebbe detto che il risultato di Verona era "scontato". Avrebbe detto che l'unico risultato che contava veramente era quello di Genova, una metropoli, e le altre erano realtà locali di scarsa valenza nazionale.

Invece nei giornali e su Radio 24 il risultato era definito "devastante" per il CS. Non so come avrebbe dovuto essere definito quello di Buttiglione a Torino dell'anno scorso (il candidato del CS, Chiamparino, era al 66% o giù di lì).

In realtà è stato un pareggio, ma in marketing il CS ha perso 20 a 0. Un mio amico dice che è perché sono troppo onesti per sparare balle. Userei una parola diversa anziché "onesto", e direi che avrebbe bisogno di un portavoce con un accenno di faccia di bronzo, requisito indispensabile per qualsiasi portavoce.

Anzi avrebbe bisogno di un portavoce tout-court.


Nessun commento:

Posta un commento