venerdì 8 giugno 2007

Visite rinviate e grandi proteste

Bush ha rinunciato ad andare di persona a Piazza Sant'Egidio a Trastevere a visitare appunto la Comunità di Sant'Egidio. Si vedranno da qualche altra parte (come peraltro è logico). Motivo: preoccupazioni sulla sicurezza (degli stessi americani).

E subito Berlusconi fa dichiarazioni in cui dice che si vergogna di essere italiano, che è tornata la solita Italietta (sottinteso, quando c'era lui era un'altra cosa) e così via.

Pare essersi dimenticato che il suo governo nel 2001 ha organizzato l'incontro G8 con il maggior numero di incidenti della storia, incluso purtroppo un morto (dopo quell'esperienza hanno smesso di tenerlo in città importanti per anni). Dimentica che proprio nei giorni scorsi gli efficientissimi tedeschi non sono riusciti ad impedire scontri prolungati, con pesanti conseguenze per molte persone, in un altro incontro G8.

Queste manifestazioni violente senza alcuna logica apparente ("rebel without a cause" cantava Tom Petty) e il motivo per cui il G8 (evento inutile come pochi altri al mondo) eccita così tanto gli animi è un tema che andrebbe casomai analizzato e interpretato psicologicamente, magari con l'aiuto del grande Bollea. Ma a quanto pare le uniche cose che interessano sono la propaganda e i messaggi al proprio elettorato di riferimento.


Nessun commento:

Posta un commento