martedì 6 maggio 2008

"Finalmente la sinistra se ne va da Roma!"

"Finalmente la sinistra se ne va da Roma!"
"Tu che vantaggi ne hai?"
"Sgombreranno i campi nomadi, non se ne poteva più"
"Hai un campo nomadi vicino a casa?"
"No, per carità, io abito ai Parioli"

"Quindi la tua sensibilità nasce da un sentimento di solidarietà verso i quartieri più svantaggiati?"
"No, è che è pieno di zingari che chiedono l'elemosina, le madri hanno in braccio dei figli che non sono i loro, li affittano, dicono che a volte li rubano, fanno finta di essere storpi e poi quando finiscono il turno se ne vanno spediti, ti infastidiscono ai semafori, se non gli dai i soldi ti sporcano il parabrezza, a una mia amica che non gli voleva dare i soldi una zingarella gli ha sputato, poi rubano, ci sono bande di bambini che attorniano i turisti e le persone anziane con il trucco del cartone ....!
"Ho capito il concetto. Ma perché e come Alemanno dovrebbe risolvere il problema?"
"Se non lo fa lui!"
"Ci andrà da solo, personalmente?"
"No, che c'entra, manderà le forze dell'ordine"
"I vigili urbani?"
"Che c'entrano  vigili. non sono neanche armati. Manderò la polizia, i carabinieri, che ne so?"
"Ma non dipendono mica dal sindaco, dipendono dal ministero dell'Interno"
"Va bè, tanto sarà un leghista, no?"
"Allora bisognerà ringraziare lui"
"L'importante è che lo facciano"
"Dove porteranno gli zingari sgomberati da Roma?"
"Che ne so, basta che siano lontani, al paese loro"
"Molti sono cittadini italiani"
"Ah"
"Molti sono cittadini comunitari, romeni"
"Ma c'è una legge che consente l'espulsione anche per loro, se hanno commesso reati!"
"Sì, l'ha fatta il governo Prodi"
"Ah è vero. Vabbè, allora finalmente l'applicheranno"
"E quelli italiani?"
"Io li manderei in una città amministrata dalla sinistra, così imparano i valori della civiltà multietnica"

"Il problema si porrà se tutte le città saranno amministrate dalla destra"
"Allora si faranno ..."
"Preferisco non conoscere la tua soluzione. Ti dico però come andrà: gli zingari espulsi da una parte riusciranno fuori da un'altra. Sempre se riesce a spostarli. Gli zingari hanno un'altra caratteristica: sono cattolici."
"E' inutile che fai lo scettico, sulla criminalità si volterà pagina"
"Ne sono convinto anch'io. Sparirà dalle prime pagine dei giornali, dalla free-press e soprattutto dai telegiornali. Così il problema sarà risolto. Pressoché nessuno ha esperienza diretta di questi reati"
"Ma come fai a dirlo?! Ogni giorno si sente di uno scippo o di un furto, e sono sempre romeni, cioè zingari!"
"Vedo che gli albanesi sono passati di moda. Comunque, citami l'ultimo scippo che ricordi."
"Che c'entra, io abito ai Parioli, vallo a dire a qui poveracci che abitano ..."
"Sai quanti sono stati i romeni arrestati per furto sulla pubblica via nel 2007?"
"E come faccio a saperlo?"
"C'era scritto sul giornale Domenica, per dire che sono aumentati rispetto all'anno prima, sono stati 777"
"Tanti, 777 di troppo"
"Sono d'accordo. Ma se dividiamo il numero di romeni che delinque per il numero di italiani che passeggiano viene un romeno delinquente ogni 70 mila italiani"
"E' poco?"
"Bè, per prudenza e in nome della scaramanzia (lo sai che sono superstizioso e se vedo un gatto nero accosto la macchina e aspetto che quello dietro mi superi) non vorrei dirlo mai, ma è più facile trovare un biglietto gratta e vinci buono"
"Insomma va tutto bene"
"Ma no, la sicurezza non è mai abbastanza, ma lasciateci vivere senza sbarre e senza ossessioni ..."

"Un'altra cosa che farà, e non vedo l'ora, e so che sei contrario: toglierà finalmente la ZTL!"

"Non credo che si vedrà la differenza. Più macchine di quante ce ne sono ora col permesso al centro di Roma non ne entrano. Però potrebbe essere una cosa istruttiva. I romani entrano finalmente in centro, tutti e senza bisogno di permesso. Lo attraversano a passo d'uomo (se va bene, se no si bloccano tutti in un mega ingorgo come il giorno della Befana). E poi ne escono in****ti dall'altra parte"
"Sei il solito Pierino antipatico. Almeno però toglierà i cordoli"
"I tassisti sono contrari a toglierli. Dicono che la corsia preferenziale senza cordoli è solo un garbato suggerimento."

"E che comandano loro? Poi sono pericolosissimi per i motorini"
"Tu vai in scooter?"
"No. Ma me l'hanno detto"
"Io vado in scooter e i cordoli non mi fanno paura. Sai perché?
"No. Dimmelo tu"

"Perché hanno la caratteristica di stare fermi. Infatti sono inchiodati per terra. Se uno sta appena un po' attento e non guida lo scooter con il cellulare infilato nel casco, parlando, sotto la pioggia, di notte, li vede e non ci passa sopra. Quello che mi preoccupano sono le cose che si muovono. Tipo le macchine che ti tagliano la strada senza guardare perché hanno scorto un parcheggio. O che escono a retromarcia senza guardare. O che aprono la portiera sempre senza guardare (e parlando al cellulare).

"Almeno toglierà le strisce blu"
"Ma non ci sono anche a casa tua?"
"Che mi frega, io ho il box"
"Quante auto ci stanno dentro?"
"Una, più le biciclette"
"Quante auto avete a casa?"
"..... Tre"
"Vedi?"
"Ma almeno al centro la toglieranno, così potrò parcheggiare sul lungotevere senza essere taglieggiata dalla STA, che è di proprietà della moglie di Rutelli che adesso andrà fallita!"
"Adesso non c'è più la STA è tutto passato all'Atac che è una azienda del Comune ... un momento mi hai già detto che faccio il Pierino. Ma consentimi una osservazione sui tuoi processi mentali ..."
"Eh?"
"... che funzionano così: la zona blu va bene a casa mia perché così trovo il posto e non devo pagare, non va bene in un altro quartiere dove dovrei parcheggiare pagando"
"Che c'entra! Non tutti i quartieri sono uguali! Il centro deve essere di tutti. Sono una cittadina italiana e ho il diritto di parcheggiare dove mi pare. Bisogna tornare alla libertà di parcheggio!"
"E' la libertà che costa di meno in assoluto: la libertà di parcheggiare in un parcheggio che non c'è"
"Allora vogliamo parlare delle buche sulle strade?!"
"Si è fatto tardi ..."

(Ovviamente non è un  dialogo reale, ma la sintesi di dialoghi  di e con amiche e amici e conoscenti che hanno votato a destra e che esprimono questo nuovo sentimento ottimista in stile '94 [allora durò 8 mesi circa]; le foto illustrano Roma prima che cadesse addosso alla città la cappa di piombo)

5 commenti:

  1. come vado sostenendo da tempo in Italia abbiamo un problema: è sparito il buon senso ed io so chi è stato: la TV. Vedi che era prioritaria la riforma TV?

    cci

    RispondiElimina
  2. E lo dici a me? Concordo in pieno. Avevo dedicato un post sull'assoluta necessità di non trascurare il media TV nel lontano 2 settembre 2007:

    http://ilpresente.splinder.com/post/13663999/Televisione+digitale+terrestre


    Lo conferma anche una recente indagine ISTAT (da Key4biz):


    "Un’approfondita analisi su “L’uso dei media e del cellulare in Italia” è quella che ci fornisce l’Istat, con dati riferiti al periodo 2000-2006 su un campione di circa 20 mila famiglie.


    La ricerca, a cura di Adolfo Morrone, evidenzia che nel 2006 il media più utilizzato dalle persone di 11 anni e più è la televisione guardata dal 93,2 per cento.


    Segue nella piramide dell’utilizzo il cellulare (79,9 per cento) e, al terzo posto, la radio (71,2 per cento). I quotidiani sono i media a stampa più fruiti (61,4 per cento) a cui fanno seguito le videocassette e i dvd (56,3 per cento), i settimanali (51,7 per cento) e i libri (43,6 per cento). Ancora poco diffuso – rispetto ad altri media – l’uso di Internet (35,6 per cento). Le riviste non settimanali (28,3 per cento) si collocano all’ultimo posto."





    RispondiElimina
  3. poi hai visto la qualita' di questi giornalacci gratuiti tipo city e leggo? epolis è stata acquistata mi pare da Dell'Utri in person ... non sara' mica un caso ....

    ccspi(cara cognata sempre piu' inc....ata)

    RispondiElimina
  4. Ecco, Alberto, ora la cosa si complica. Quale politica municipale nel primo con il sindaco romano avverso? E come intercetti i cittadini su questo problema?

    (non ti dico a che punto stanno in municipio perchè è da piangere...)

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo, bisognerebbe scrivere (o trovare, se c'è) una guida alle competenze separate di Municipi e Comune. Per dividere poi in modo corretto meriti e demeriti, rallentamenti e spinte. C'è qualcuno in grado di farlo?

    RispondiElimina