sabato 31 gennaio 2009

ER: la stagione 14 è arrivata

Con il ritardo di rito è inziata ieri la trasmissione in Italia (su Rai 2, come sempre) del primo e inimitabile medical drama, ER (Emergency Room), giunto alla quattordicesima e probabilmente penultima stagione. La puntata di ieri era stata trasmessa in USA a settembre 2007.
Il trattamento riservato da Rai 2 è il solito: poca promozione, due puntate cucite assieme e vagonate di pubblicità (oltre a tutto ripetute di interruzione in interruzione per chi non avesse capito bene il messaggio).
Tutto fa pensare che il personaggio centrale di questa nuova serie sia il nuovo capo della ER, il dottor Moretti (il bravo attore Stanley Tucci, che avevamo già apprezzato anni fa come co-protagonista dell'istruttivo film Il diavolo veste Prada, con una formidabile Meryl Streep e la stella nascente Anne Hathaway). I medici lo chiamano familiarmente "Mussolini" per il cranio rasato, le origini italiane e una marcata (ma penso iniziale) tendenza dittatoriale.
Punto di riferimento della ER rimane ancora Abby (Maura Tierney) sempre più concentrata ed empatica con i pazienti, anche grazie alla esperienza accumulata negli anni, Pratt (Mekhi Phifer) sembra progressivamente perdere quella voglia di strafare che lo aveva caratterizzato nei primi anni e tendere ad una maturazione che (si capisce) lo porterà a diventare un personaggio chiave del pronto soccorso.

Una svolta anche per Gates (John Stamos), un personaggio rimasto sempre a metà, che proprio nella prima puntata viene spostato, dopo le ennesime intemperanze ed errori, dal pronto soccorso nella ancor più impegnativa, psicologicamente, terapia intensiva (dalla quale era fuggito Moretti). Dove, alle prese da subito con una vicenda purtoppo non lieta si capisce che potrà trovare un nuovo equilibrio.

La sua intemperanza era però giustificata dal coinvogimento di Neela (Parminder Nagra) nell'episodio chiave della partenza della nuova stagione, che anche questa volta è esageratamente drammatico. Da una stagione all'altra passa infatti la bomba nel parco (che in realtà si rivelerà accidentale) durante una manifestazione pacifista (al momento della trasmissione in USA c'era ancora Bush che insisteva con l'Iraq ...l'episodio infatti si hiama The War Comes Home) con il prevedibile allarme rosso nella ER. Al parco era appunto presente anche Neela, vedova, come si ricorderà, di un medico ufficiale volontario in Iraq, e la lunga operazione nella quale i chirurghi Dubenko (Leland Orser) e Crenshaw (J.P. Manoux) la salvano con grande difficoltà e grazie allo spirito di osservazione di Abby, che vede Dubenko (tutor di Neela, ma anche in qualche modo legato sentimentalmente con la giovane dottoressa anglo-indiana) troppo coinvolto per operare efficacemente, e consiglia che sia Crenshaw a tentare il difficile intervento.

Neela ne esce, ma piuttosto malconcia, quindi ora anche nel fisico (la serie precedente era stata rovinosa per la sua complicata vita sentimentale) e non si capisce quano riprenderà il suo posto. Mentre si intravede una evoluzione positiva per la numero uno delle infermiere, la giovane Sam (Linda Cardellini) sempre però alle prese con il difficile rapporto con il figlio ormai adolescente.

Morris (Scott Grimes) e Hope (Busy Philipps, una prorompente attrice che si sta imponendo anche nel cinema, vista ad esempio in Made of Honor) la coppia più improbabile ma anche più riuscita di tutto il pronto soccorso, si apprestano ad affrontare una imprevista crisi per la decisione di Hope, che è uno strano tipo di cristiana fondamentalista ma anticonformista, di andare per sei mesi volontaria in Sudamerica.

Rimane fuori il co-protagonista delle ultime stagioni Luka (Goran Višnjić) che è smpre in Croazia per motivi sconosciuti, pare anche alla sua compagna Abby, che alle domande risponde "forse si trova bene là".

Insomma per gli appassionati della serie (si sarà capito che sono tra questi) si preparano alcuni venerdì assai coinvolgenti, purtroppo meno del solito, una decina, perchè in questa stagione gli episodi sono stati soltanto 19 anzichè i soliti 23-24. Da segnalare che sul digitale terrestre vanno però in onda gli episodi delle serie precedenti, fino alla 13.

Agli appassionati ripropongo anche: Il precedente post su ER.

Nessun commento:

Posta un commento