giovedì 18 novembre 2010

Una Metro senza fermate

Un buon esempio di umorismo involontario si può leggere su Repubblica di ieri:
"Quello tra Piazza Venezia e San Pietro è uno spazio quasi esclusivamente turistico, che non ha grandi attività lavorative e i turisti in quello spazio ci vanno comunque, muovendosi a piedi. A Piazza della Chiesa Nuova apriremo un pozzo di aerazione, ma la stazione no, perché non c'è spazio sufficente per entrare in un punto così complesso del tessuto urbano".

Metro Linea C di Roma, e della idea meravigliosa che è venuta a qualcuno, in questo caso al presidente di Roma Metropolitane Gianni Ascarelli, che ha fatto questa dichiarazione, di lasciare uno spazio di due chilometri senza fermate proprio sotto il centro di Roma.

Non ha grandi attività lavorative?? Provi questo signore a prendere l'85 al mattino o ad arrivare con lo scooter nella zona di Piazza Venezia. Mi capita per andare alla mia banca in moto e non si riesce a trovare un parcheggio, neanche illegale o sui marciapiedi, ogni interstizio è occupato da una moltitudine di motorini, che non credo siano di residenti né di turisti.

E' quasi esclusivamente turistico ...  Quindi poco importante, trascurabile, per una città che ha nel turismo la principale fonte di ricchezza ...

I turisti ci vanno comunque, muovendosi a piedi ... Per forza, non c'è la metropolitana! Se ci fosse vedi come la userebbero, esattamente come facciamo noi nelle città normali, che hanno una rete metropolitana, come Parigi, Londra, Barcellona, Monaco o qualsiasi altra (solo a Roma non c'è o quasi). E vedrebbero più cose con maggiore soddisfazione loro e del turismo italiano.

Il commento più giusto mi pare quello di Mario Staderini, segretario dei radicali italiani:
"Roma passerà alla storia per un metodo unico al mondo, scavare metropolitane costosissime senza fare le stazioni."

Ma poi perché? E' sicuramente un problema di costi, ma i costi dipendono dai tempi, e l'allungamento dei tempi dipende da "problemi arecheologici" , quindi dalla Sovrintendenza per i Beni archeologici. La stessa sovrintendenza che assiste, tranquilla,  inerte e passiva al degrado progressivo e apparentemente inarrestabile di un monumento già emerso da tempo dagli scavi (il Colosseo) si preoccupa invece di quello che potrebbe uscire alla luce con gli scavi per la Metro.

Invito chi avesse ancora qualche dubbio a visitare la fermata della Metro A di Manzoni. Per ristruttuarla (unica stazione ristrutturata di tutta la linea) ci sono voluti più di due anni, il tempo che i cinesi hanno impiegato per costruire lo stadio delle olimpiadi. E il motivo è che per quasi due anni gli scavi sono stati bloccati dalla Sovrintendenza,  essendo stati trovati dei reperti romani. Che poi, dopo, immagino, defatiganti trattative, sono stati estratti e messi a disposizione dei passeggeri che possono ammirarli in una teca a fianco dei tornelli. Una teca di due metri per uno. Che contiene alcuni cocci rotti come a Roma ce ne sono altre migliaia. Spesso molto migliori, ma sepolti nei magazzini dei musei per mancanza di personale, soldi o qualsiasi altra cosa che manca in Italia alla cultura.

Comunque evitiamo di abbandonarci troppo prematuramente alla classica indignazione italiana. Perché stiamo parlando di una metropolitana virtuale. Infatti il progetto c'è. Ma i finanziamenti no. L'unico tratto finanziato della C è da Pantano (Casilina molto molto periferia) al Colosseo. E anche questo tratto finanziato, che doveva essere pronto nel 2011, è già slittato al 2013. Insomma, dobbiamo sperare nelle Olimpiadi del 2020, se saranno assegnate a Roma, o continuare a girare in scooter sfidando l'infido sampietrino romano.

(L'immagine, tanto per riflettere un po', è di una stazione della Metro di parigi, proprio dentro al quartiere latino, costruita esattamente 100 anni fa, nel 1910)
 

Si parla del nuovo tracciato della

2 commenti:

  1. Se davvero ha detto queste cose, il dubbio è se questo illustre architetto (si fa per dire) sia solo un idiota o sia in totale malafede. Tra l'altro a San Pietro c'è già la linea A. Questi farebbero 2 Km di metropolitana in pieno centro per collegare due punti (Colosseo e San Pietro) che sono già collegati dalla metropolitana (sia pure con un cambio a Termini)?

    si si, ci prendono proprio in giro, sicuri che tanto nessuno se ne accorge....

    RispondiElimina
  2. Per quanto possa sembrare del tutto assurdo, nella presentazione dei cosiddetti "stati generali" di Roma capitale (vogliono rifare la rivoluzione francese?) è stato confermato che la metro andrà da Piazza Venezia a San Pietro senza fermate intermedie. A giudicare dall'avanzamento (si fa per dire) dei lavori questo però non dovrebbe essere un grande problema. Per ancora parecchi anni non ci saranno neanche le suddette fermate di Piazza Venezia e San Pietro. Può darsi che arriveranno prima le macchine che volano dei film di fantascienza o il teletrasporto stile Star Treck.

    RispondiElimina