mercoledì 16 febbraio 2011

Resisti, pioverà

Dopo 9 giorni alla fine è arrivata la pioggia a risolvere il problema dell'inquinamento dell'aria a Roma.
Il sistema applicato dall'attuale sindaco Alemanno, rimane sempre quello, analogo a quello applicato dai proprietari pigri e trascurati nella cura di povere vecchie auto poco amate. Sulle quali dita ignote un tempo non mancavano mai di scrivere: "Resisti, pioverà".

Un divieto di circolazione per i veicoli più inquinanti, non si sa quanti ne siano rimasti, quelli residui e irriducibili sono stati in gran parte convertiti a GPL (e chissà cosa bruciano veramente nel motore). Ma, per dare meno fastidio possibile, si fa il divieto avendo cura di non farlo sapere a nessuno. Una notizia "a scomparsa" sul sito dell'Atac e, per chi non guarda Internet prima di uscire di casa, un trafiletto di 5 righe in seconda pagina nell'inserto romano del Messaggero. E, naturalmente, nessun controllo da parte dei vigili, confidando quindi sul tradizionale zelo dei guidatori romani nel rispettare leggi e divieti.

L'effetto? Nessuno, ma dopo una decina di giorni di solito piove.